Guida Musei Vaticani.

Cosa c'è all'interno dei Musei Vaticani?

I Musei Vaticani, situati nella Città del Vaticano, sono uno dei musei più visitati al mondo. In questa pagina, potrai trovare tutto quello che puoi trovare all'interno dei Musei Vaticani.

Cosa si trova nei Musei Vaticani: interni e collezioni

I Musei Vaticani ospitano una collezione di circa 70.000 opere collezionate dalla Chiesa Cattolica e dal papato nel corso dei secoli tra cui alcune delle più importanti sculture romane e dipinti rinascimentali. Di queste, solo 20.000 sono esposte. Per ospitare un numero così elevato di opere d'arte, la Città del Vaticano ha creato 54 gallerie, conosciute col nome di Musei Vaticani. I Musei impiegano circa 640 persone che lavorano in 40 diversi dipartimenti amministrativi, scientifici e di restauro.

Per saperne di più sui Musei Vaticani >

Chi ha creato i Musei Vaticani? Musei Vaticani interni e collezioni

Papa Niccolò V iniziò la costruzione del Vaticano, fondò la Biblioteca Vaticana e mise in moto la costruzione della Basilica di San Pietro commissionando il progetto all'architetto Bernardo Rossellino nel 1447. Nel 1471, Sisto IV commissionò la costruzione di una nuova cappella, la Cappella Sistina.

Tuttavia, i musei vaticani veri e propri sono diventati tali solo all'inizio del XVI secolo, con papa Giulio II che trasferì la sua collezione dal Cortile Ottagonale. L'origine dei musei viene fatta risalire all'acquisto del "Laocoonte e i suoi figli" da un proprietario di un vigneto. La scultura, che rappresenta il sacerdote troiano Laocoonte e i suoi due figli attaccati da serpenti giganti, fu esposta al pubblico in Vaticano un mese dopo la sua scoperta.

Nel 1508, Giulio II commissionò a Raffaello la ridecorazione delle Stanze, che da allora sono state chiamate stanze di Raffaello. Con la crescita della collezione furono costruiti nuovi edifici come la Galleria delle Carte Geografiche nel 1580, la riorganizzazione delle sale dei musei Sacro e Profano e il Gabinetto delle Maschere nel 1740, e il Museo Gregoriano Etrusco nel 1837.

Scopri le gallerie all'interno dei Musei Vaticani

Musei di scultura

Musei Vaticani interni

Museo Pio Clementino

Questo spazio dedicato a Papa Clemente XIV nel 1771 e a Papa Pio VI, responsabili della creazione del museo, è composto da dodici diverse sale. Vi si trovano le collezioni pontificie di sculture classiche, reperti di scavi effettuati a Roma e nel Lazio e donazioni di collezionisti e antiquari. Alessandro Dori, Michelangelo Simonetti e Giuseppe Camporese progettarono l'architettura neoclassica dell'edificio. Nel 1797, con il Trattato di Tolentino, lo Stato Pontificio fu costretto a cedere i capolavori del Museo a Napoleone. Gran parte di queste opere furono restaurate dopo la sconfitta di Napoleone e il Congresso di Vienna del 1815.

Musei Vaticani interni

Museo Gregoriano Egizio

Il Museo Gregoriano Egizio, fondato da Papa Gregorio XVI nel 1839, è composto da nove stanze che presentano artefatti dell'antico Egitto che furono portati a Roma così come la collezione di Villa Adriana (Tivoli). Il museo si trova nel Palazzo del Belvedere, qui troverai artefatti epigrafici, la ricostruzione del Serapeo e del Canopo di Villa Adriana, la collezione di Carlo Grassi, rilievi e iscrizioni dai palazzi assiri e il famoso Libro dei Morti tra le altre cose. Le nove stanze si aprono verso la terrazza del "Nicchione della Pigna", uno spazio che ospita numerose sculture.

Musei Vaticani interni

Museo Gregoriano Etrusco

Fondato da Papa Gregorio XVI nel 1837, il Museo Gregoriano Etrusco fu uno dei primi musei dedicati alle antichità etrusche. Qui troverai artefatti che sono stati portati alla luce durante gli scavi nelle città dell'antica Etruria. Presenta anche le collezioni di Falcioni, Benedetto Guglielmi, Mario Astarita e Giacinto Guglielmi. Qui troverai anche antichità romane e vasi figurativi greci. Dall'interno del museo, puoi vedere la famosa scala a doppia elica del Bramante.

Musei Vaticani interni

Galleria Lapidaria

Situata nella parte meridionale del lungo corridoio creato per collegare il Palazzo Vaticano con il Palazzo del Belvedere, la galleria presenta una biblioteca con epigrafi datate tra il I secolo a.C. e il VI secolo d.C. Ospita la più ricca collezione lapidaria del Vaticano, la Galleria è una "biblioteca di pietra", con più di 3400 "pagine" distribuite su 48 pareti. I reperti scritti su lastre, basi, urne, altari e sarcofagi, sono stati organizzati in base al contenuto.

Lapidari

Musei Vaticani interni

Lapidario ebraico

Il Lapidario ebraico comprende circa duecento iscrizioni che sono state scoperte durante lo scavo della catacomba ebraica di Monteverde. La catacomba, che risale almeno al XVII secolo, fu esplorata sistematicamente solo all'inizio del XX secolo. Nel 1914 le scoperte furono esposte nel Palazzo del Laterano e nel 1963 fu trasferita in Vaticano. La collezione è importante per la ricchezza di informazioni che offre sulla comunità ebraica romana tra il terzo e il quarto secolo d.C.

Musei Vaticani interni

Lapidario cristiano

Il Lapidario cristiano dispone di oltre duemila iscrizioni provenienti da chiese, conventi urbani e scavi nelle catacombe romane. Il lapidario fu costruito nel 1854 durante il papato di Pio IX. Troverai iscrizioni incise sul marmo, dipinte su mattoni o impresse con timbri. La collezione, che era esposta nel Palazzo Apostolico Lateranense, fu trasferita in Vaticano nel 1963. La collezione qui è stata divisa in tre categorie: iscrizioni storiche, iscrizioni dogmatiche e iscrizioni combinate con simboli e figure.

Affreschi

Musei Vaticani interni

Appartamenti Borgia

Gli Appartamenti Borgia sono una suite di sei stanze (Sala delle Sibille, Sala del Credo, Sala delle Arti Liberali, Sala dei Santi, Sala dei Misteri, Sala dei Pontefici) che furono usate come residenza da Papa Alessandro VI. Egli aveva commissionato a Bernardino di Betto la decorazione delle stanze con affreschi nel XIX secolo. Dopo la sua morte, l'appartamento fu abbandonato. In seguito, ospitò alcuni cardinali fino alla fine del 1800 quando Leone XIII decise di aprirlo al pubblico.

Musei Vaticani interni

Cappella Sistina

Una cappella nel Palazzo Apostolico nella Città del Vaticano, la cappella deve il suo nome a Papa Sisto IV, che la costruì tra il 1473 e il 1481. La Cappella Sistina è nota per i bellissimi affreschi che decorano i suoi interni. Botticelli, Perugino, Pinturicchio, Ghirlandaio e Rosselli crearono una serie di affreschi durante il papato di Sisto IV che raffigurano scene dalla vita di Mosè e Gesù. Tra il 1508 e il 1512, Michelangelo dipinse il soffitto della cappella.

Musei Vaticani interni

Cappella di Urbano VIII

Creata su richiesta di Papa Urbano VIII Barberini nel 1631 nell'angolo sud-ovest della Torre Borgia, questa è la cappella privata del "vecchio appartamento" che fu usato dai pontefici come residenza papale nel XVI secolo. Gli affreschi rappresentano le storie della Passione di Cristo attraverso le scene della Flagellazione, dell'Incoronazione di spine, dell'Incontro di Cristo con Veronica e una raffigurazione di Cristo nel Giardino create dal pittore Alessandro Vaiani. C'è anche una pala d'altare affrescata che mostra una Pietà con la Madonna, San Giovanni, Santa Maria Maddalena e Nicodemo che fu prodotta nel 1635 da Pietro da Cortona.

Musei Vaticani interni

Stanze di Raffaello

Le quattro stanze, la Sala di Costantino, la Stanza di Eliodoro, la Stanza della Segnatura e la Stanza dell'Incendio del Borgo, conosciute come le Stanze di Raffaello, formano una parte dell'appartamento nel Palazzo Apostolico che fu scelto da Giulio II della Rovere come sua residenza e utilizzato anche dai suoi successori. Queste stanze sono famose per gli affreschi dipinti da Raffaello.

Arte religiosa

Musei Vaticani interni

Museo Pio Cristiano

Il Museo Pio-Cristiano fu fondato nel 1854 da Pio IX per ospitare le testimonianze delle comunità cristiane dei primi secoli, così come alcune opere del Museo Sacro o Museo Cristiano. Diverse collezioni dalle chiese di Roma, sculture ed epigrafi dalle catacombe romane furono trasferite al Museo Pio Cristiano per essere custodite in migliori condizioni. Le opere erano in gran parte sarcofagi con immagini cristiane datate dal terzo al quinto secolo. Sono stati divisi su una base tematica per scopi espositivi.

Musei Vaticani interni

Camera dei Chiaroscuri

In precedenza, questo spazio ospitava coloro che erano responsabili della sorveglianza della camera da letto del pontefice e coloro che erano responsabili del trasporto della portantina del papa sulle loro spalle. Il soffitto a cassettoni in legno che vedi oggi è stato creato nel XVI secolo sulla base di un disegno di Raffaello. Troverai una serie di Apostoli e Santi dipinti sulle pareti. Dipinto da Raffaello, fu completamente ridipinto dai fratelli Federico e Taddeo Zuccari poiché era stato danneggiato nel tempo. Qui troverai anche le armi di Papa Leone X Medici.

Musei Vaticani interni

Museo Cristiano

Nel 1757, per decreto di Benedetto XIV, fu creato il Museo Cristiano del Vaticano. L'intera collezione qui ospitata aveva lo scopo di fornire una visione esaustiva del patrimonio di fede e cultura dei cristiani dei primi secoli. Il Museo si espanse gradualmente per includere le stanze adiacenti, come la Sala dei Papiri e la Sala dei Tributi.

Musei Vaticani interni

Cappella di San Pietro Martire

Costruita nell'angolo sud-ovest della Torre tra il 1566 e il 1570, è centrale delle tre cappelle che furono costruite per volere di San Pio V. Gli stucchi e gli affreschi furono creati da Giorgio Vasari e dal suo allievo Jacopo Zucchi. Qui troverai le reliquie del Sancta Sanctorum, l'antica cappella del Palazzo dei Papi in Laterano.

Gallerie d'arte classica, moderna e contemporanea

Musei Vaticani interni

Museo Gregoriano Profano

Fondato nel Palazzo Apostolico Lateranense da Gregorio XVI Cappellari nel 1844, il Museo Gregoriano Profano espone i reperti degli scavi archeologici pontifici a Roma e nelle zone vicine come Cerveteri, Veio, Ostia. Vi sono documentati vari momenti e temi dell'arte classica, dalla Grecia antica alla tarda età romana imperiale. Sculture greche, copie e ricostruzioni di originali greci realizzate in età romana, sculture di età romana imperiale sono alcune delle opere qui esposte in modo prominente.

Musei Vaticani interni

Museo Profano

Fondato nel 1761 da Clemente XIII, il Museo Profano fu il primo in Vaticano a presentare una collezione di antichità profane. Il museo, inizialmente chiamato "Sala delle Medaglie", fu creato per esporre gli oggetti non religiosi delle collezioni Carpegna, Vettori e Assemani presenti nel museo al momento della sua fondazione. Fino all'inizio del XIX secolo ospitava anche le collezioni numismatiche papali. Si trova a nord della Galleria Clementina.

Musei Vaticani interni

Pinacoteca

Inaugurata nel 1932, la Pinacoteca è una delle gallerie più recenti dei Musei Vaticani. Costruita dall'architetto Luca Beltrami per Pio X nel Giardino Quadrato del XIX secolo, la Pinacoteca ospita 460 dipinti distribuiti in diciotto stanze. La collezione iniziò con 118 dipinti collezionati da Papa Pio VI. Fu solo dopo la caduta di Napoleone che i dipinti furono messi insieme per allestire una mostra pubblica. La collezione è divisa per cronologia e per corrente artistica. Troverai capolavori dei più grandi artisti della storia della pittura italiana, come Giotto, Perugino, Raffaello, Leonardo, Tiziano, Veronese, Caravaggio e Crespi.

Musei Vaticani interni

Lapidario Profano ex Lateranense

Il Lapidario Profano ex Lateranense è nato dopo che la collezione nel Palazzo del Laterano è stata trasferita in Vaticano. Le iscrizioni sono divise in base al loro luogo di origine in "Extra-urbane o comunali" e "Iscrizioni di Roma". Questo secondo gruppo è ulteriormente diviso in base al contenuto testuale, per contesto archeologico e poi per area extra-urbana. Le iscrizioni tombali di origine varia, precedentemente esposte nel Lapidario Profano, sono attualmente esposte nell'Area del Mosaico Maggiore. Una parte delle "Iscrizioni comunali" è anche esposta al pubblico.

Musei Vaticani interni

Museo Chiaramonti

Situato nella loggia che unisce il Palazzo del Belvedere ai Palazzi Vaticani, il museo è stato intitolato a papa Pio VII Chiaramonti (1800-1823). Il museo, aperto nel 1806, aveva lo scopo di creare uno spazio per mostrare insieme le "tre arti sorelle": scultura, architettura e pittura. Il Museo Chiaramonti ha più di mille sculture antiche esposte.

Musei Vaticani interni

Sala dell'Immacolata Concezione

Francesco Podesti lavorò alla grande sala adiacente alle Stanze di Raffaello dal 1856 al 1865, per volere di Pio IX che voleva celebrare la proclamazione del dogma dell'Immacolata Concezione nel 1854. La raffigurazione parte dal soffitto, con scene che alludono alle virtù della Vergine e continuano fino alla parete est, con l'Incoronazione dell'Immagine di Maria, un evento successivo alla Proclamazione.

Musei Vaticani interni

Padiglione delle Carrozze

La Grande Berlina da gala, costruita a Roma nel 1826 da Leone XII, le nove berline da cerimonia appartenenti a Pontefici o Principi di Santa Romana Chiesa, le berline storiche da viaggio sono alcune delle collezioni importanti che sono esposte al Padiglione delle Carrozze. Queste carrozze sono la prova storica della mobilità papale. Troverai anche varie automobili come la prima Mercedes, la Fiat Campagnola legata all'attentato contro Giovanni Paolo II nel 1981, l'ultimo Maggiolino prodotto dalla Volkswagen in Messico nel 2003, e altro ancora.

Musei Vaticani interni

Camera delle Nozze Aldobrandini

In precedenza era conosciuta come la Sala di Sansone per gli affreschi di Guido Reni che narrano le Storie di Sansone. A partire dal 1838, la sala venne utilizzata per l'esposizione di dipinti di età romana, come le Nozze Aldobrandini, il ciclo dell'Odissea di Via Graziosa e gli affreschi di Ostia. Aggiunte più recenti includono l'iscrizione dell'insula Sertoriana e i mosaici della collezione Furietti.

Musei Vaticani interni

Cappella Niccolina

Chiamata così in onore di Papa Nicola V, che ne ordinò la costruzione, la Cappella Niccolina è considerata una delle grandi opere del XV secolo in Italia. Gli affreschi coprono gli interni. Vi sono raffigurati episodi della vita di San Stefano e San Lorenzo e dei quattro evangelisti.

Musei Vaticani interni

Collezione di arte contemporanea

Questa sezione ospita opere dalla fine del XIX secolo fino all'inizio del XX secolo. 8000 opere di pittura, scultura e arti grafiche di Van Gogh, Bacon, Chagall, Carrà, de Chirico, Manzù, Capogrossi, Fontana, Burri e Matisse.

Come posso prenotare biglietti e tour del Vaticano?

Musei Vaticani e Cappella Sistina: biglietti prioritari con ingresso assistito

Conferma Istantanea
Biglietti per cellulari
Durata flessibile
Altri dettagli +

Visita guidata (con meno di 22 ospiti) - Musei Vaticani & Cappella Sistina

Conferma Istantanea
Biglietti per cellulari
2 h 30 min
Tour guidato
Altri dettagli +

Visita guidata (con meno di 30 ospiti) ai Musei Vaticani e alla Cappella Sistina

Cancellazione gratuita
Conferma Istantanea
Biglietti per cellulari
3 h
Tour guidato
Altri dettagli +

Musei Vaticani interni - Domande frequenti

D. Cosa c'è all'interno dei Musei Vaticani?

R. All'interno dei Musei Vaticani troverai una vasta collezione di opere d'arte, tra cui sculture romane e dipinti rinascimentali che sono stati collezionati dalla Chiesa Cattolica e dal papato nel corso dei secoli.

D. si può fare un tour all'interno dei Musei Vaticani?

R. Sì, puoi visitare i Musei Vaticani. Puoi comprare i biglietti per i Musei Vaticani qui.

D. Quante stanze ci sono nei Musei Vaticani?

R. I Musei Vaticani sono composti da 54 musei, che contengono 1400 stanze, cappelle e gallerie in totale.

D. Si possono fare foto nei Musei Vaticani?

R. La fotografia è consentita in alcune parti dei Musei, ma solo per uso personale.

D. La visita all'interno dei Musei Vaticani è gratuita?

R. No, è necessario acquistare un biglietto per accedere ai Musei Vaticani. Puoi acquistare i biglietti d'ingresso ai Musei Vaticani qui.

D. Vale la pena visitare i Musei Vaticani?

R. Sì, una visita ai Musei Vaticani vale assolutamente la pena: è uno spazo che ospita una vasta collezione dei più grandi capolavori di tutti i tempi.