Storia Vaticano

Scopri la storia del Vaticano | La formazione della Città Stato

La Città del Vaticano si estende su 100 acri ed è il paese più piccolo del mondo. Questa regione ha fatto parte di Roma per molto tempo (200 anni per essere precisi) ma ha ottenuto l'indipendenza nel 1929 e da allora è stata governata come una monarchia assoluta con il papa a capo. Lo stato è grande quanto circa un ottavo delle dimensioni del Central Park di New York - puoi esplorare questo paese in poche ore. La parte migliore? Non hai nemmeno bisogno di un visto per entrare!

Cronologia del Vaticano - Storia del Vaticano

1506: viene posta la prima pietra della Basilica di San Pietro (uno dei più importanti luoghi di pellegrinaggio e uno degli edifici più grandi del mondo).

1512: I dipinti di Michelangelo sul soffitto della Cappella Sistina sono completati ed esposti al pubblico per la prima volta.

1626: la Basilica di San Pietro, la chiesa più grande del mondo, viene costruita.

1929: I Patti Lateranensi furono firmati tra Papa Pio XI e il dittatore italiano Benito Mussolini. -Città del Vaticano diventa indipendente e il paese più piccolo del mondo.

1929: nasce lo stato indipendente del Vaticano.

1934: viene aperta la prima e unica stazione ferroviaria.

1950: dichiarato Anno Santo da Papa Pio XII.

1943: durante la Seconda Guerra Mondiale, la città del Vaticano rimase neutrale e mentre le truppe tedesche occuparono la città di Roma, la Città del Vaticano non fu occupata.

1984: gli Stati Uniti e il Vaticano stabilirono piene relazioni diplomatiche solo dopo 117 anni.

Storia del Vaticano

Storia del Vaticano

Storia antica

Dal I secolo d.C. al 41 d.C.

Durante la Repubblica Romana, il nome "Vaticano" si riferiva all'Ager Vaticanus, una piccola collina e una pianura sulla riva occidentale del fiume Tevere. Questo quartiere era in gran parte disabitato grazie alla sua vicinanza alla città etrusca di Veii e alle inondazioni del Tevere che si riversavano regolarmente nella città. Dopo il I secolo d.C., il nome Vaticanus, che si riferisce all'area che comprende la collina del Vaticano, l'odierna Piazza San Pietro e probabilmente l'odierna Via della Conciliazione, iniziò ad essere usato per definire questa area. 

Tra il 14 a.C. e il 33 d.C., Agrippina il Vecchio fece drenare l'area paludosa e furono costruiti dei giardini. Suo figlio, l'imperatore Caligola, costruì un circo per gli aurighi in questo giardino. L'obelisco che si trova in Piazza San Pietro fu portato da Caligola dall'Egitto per decorare il circo. Il lavoro fu completato da Nerone, da cui prese anche il nome. L'area divenne un luogo di martirio per molti cristiani, incluso San Pietro.

Storia del Vaticano

Chiesa più antica e Stato Pontificio

Dal 326 D.C. all'anno 1377

La basilica costantiniana fu costruita nel 326 su quella che si credeva fosse la tomba di San Pietro. Un palazzo fu successivamente costruito nel V secolo durante il papato di Papa Simmaco. Tra il 318 e il 322 d.C. iniziò la costruzione della prima chiesa, la Basilica di San Pietro. 

Con il tempo, i Papi iniziarono a governare le regioni vicine e, fino alla metà del XIX secolo, governarono una grande porzione della penisola italiana sotto il nome di Stato Pontificio. Durante questo periodo i Papi vissero nel Palazzo del Laterano e, più tardi, nel Palazzo del Quirinale. Tra il 1309- 1377 la residenza papale fu spostata ad Avignone in Francia.

Storia del Vaticano

La questione romana

Dal 1870 al 1878

Nel 1870, i diversi stati all'interno della penisola italiana furono unificati sotto il re Vittorio Emanuele II. Questo segnò anche un periodo di incertezza sui possedimenti del Papa. Questo periodo di incertezza tra il 1861 e il 1929 sullo status del Papa fu chiamato "questione romana".

Anche se l'Italia non interferì con la Santa Sede all'interno del Vaticano, confiscò le proprietà della chiesa in molti altri luoghi, incluso il Palazzo del Quirinale, un tempo residenza ufficiale del papa. I papi iniziarono a risiedere all'interno delle mura vaticane. Alcune prerogative papali furono riconosciute dalla Legge delle Guarentigie, incluso il diritto di inviare e ricevere ambasciatori. Ma i papi non riconobbero il diritto del re italiano di governare a Roma, e si rifiutarono di lasciare il complesso vaticano fino a quando la disputa non fu risolta nel 1929. Papa Pio IX (1846-1878), l'ultimo sovrano dello Stato Pontificio, fu definito "prigioniero in Vaticano". Costretti a rinunciare al potere secolare, i papi si concentrarono su questioni spirituali.

Storia del Vaticano

Patti Lateranensi

1929

I negoziati per la soluzione della questione romana iniziarono nel 1926 tra il governo italiano e la Santa Sede. Questo culminò nei Patti Lateranensi. l'accordo fu firmato dal Primo Ministro Benito Mussolini a nome del Re Vittorio Emanuele III d'Italia e dal Cardinale Segretario di Stato Pietro Gasparri per Papa Pio XI l'11 febbraio 1929. Fu ratificato il 7 giugno 1929.

Il Trattato del Laterano risolse l'ambiguità che era stata portata dal periodo della Questione Romana. Il trattato stabilì la Città del Vaticano come un paese indipendente, concedendo così 44 ettari (109 acri) di terra che ora sarebbe stata completamente indipendente e governata dal papa. Il governo italiano accettò anche di dare alla Chiesa Cattolica Romana una compensazione finanziaria per la perdita dello Stato Pontificio.

Storia del Vaticano

Seconda Guerra Mondiale

Dal 1939 al 1945

Durante la Seconda Guerra Mondiale, la Città del Vaticano, allora sotto la guida di Papa Pio XII, rimase neutrale. Anche se le truppe tedesche occupavano la città di Roma, la Città del Vaticano non fu mai ufficialmente occupata. Sia gli equipaggi degli aerei alleati che quelli dell'Asse avevano l'ordine generale di rispettare la neutralità della città del Vaticano anche quando bombardavano Roma. Infatti, erano così particolari nel mantenere uno status di neutralità che il pontefice protestò anche per alcuni opuscoli dei molti che gli inglesi lanciati in volo su Roma atterrarono all'interno della città-stato. La posizione del Vaticano ebbe effetti anche sulle scelte delle forze alleate. Dopo l'entrata in guerra degli Stati Uniti, questi ultimi si opposero al bombardamento di Roma e addirittura esentarono i piloti e gli equipaggi cattolici dai raid aerei su Roma e su altre proprietà della Chiesa, a meno che non fossero volontariamente d'accordo.

Storia del Vaticano

Il Vaticano dopo la guerra

Dopo l'anno 1945

Durante la guerra, Pio XII non creò cardinali e si ritrovò poi nel 1946 a ordinarne 32 per riempire i molti posti di rilievo che erano rimasti vacanti. Il Corpo Militare Pontificio, ad eccezione della Guardia Svizzera, fu sciolto nel 1970. Il Corpo di Gendarmeria divenne una polizia civile. Nel 1984, un nuovo concordato tra la Santa Sede e l'Italia modificò alcune disposizioni del precedente trattato, inclusa la posizione del cristianesimo cattolico come religione di stato italiana. Nel 1995, una nuova foresteria, Domus Sanctae Marthae, doveva essere costruita adiacente alla Basilica di San Pietro. Il piano è stato criticato dai gruppi ambientalisti italiani e ha anche reso le relazioni tra il Vaticano e il governo italiano più tese rispetto ai decenni precedenti.

Città del Vaticano oggi

Storia del Vaticano
Seleziona i tuoi biglietti

Musei Vaticani e Cappella Sistina: biglietti prioritari con ingresso assistito

Conferma Istantanea
Biglietti per cellulari
Durata flessibile
Altri dettagli +

Visita guidata (con meno di 22 ospiti) - Musei Vaticani & Cappella Sistina

Conferma Istantanea
Biglietti per cellulari
2 h 30 min
Tour guidato
Altri dettagli +

Visita guidata (con meno di 30 ospiti) ai Musei Vaticani e alla Cappella Sistina

Cancellazione gratuita
Conferma Istantanea
Biglietti per cellulari
3 h
Tour guidato
Altri dettagli +

Tour guidato Premium per piccoli gruppi ai Musei Vaticani e alla Cappella Sistina

Cancellazione gratuita
Conferma Istantanea
Biglietti per cellulari
2 h 30 min
Tour guidato
Altri dettagli +